Genitori Separati
Scopri chi ne ha diritto

Con Circolare del 3 Luglio l’Agenzia delle Entrate ha finalmente chiarito come si devono comportare i genitori separati e chi ne ha diritto.

Ecco cosa dice la Circolare dell’Agenzia delle Entrate del 3 Luglio 2020:

La norma prevede, inoltre, che la fattura, il documento commerciale, lo scontrino o la ricevuta fiscale devono riportare il codice fiscale del componente del nucleo che intende fruire dell’agevolazione.

Al riguardo, si precisa che il componente del nucleo familiare ISEE, che effettua il pagamento, può non coincidere con il soggetto che intende fruire del Credito d’imposta Vacanze, a nulla rilevando quale dei soggetti del nucleo sostiene la spesa.

Inoltre, considerato il dato letterale della norma, non è necessario che sia l’intero nucleo a fruire del servizio.
Tale aspetto è anche richiamato nel punto 3.3 del citato Provvedimento, in cui è previsto che: «lo sconto e la detrazione sono utilizzabili dal componente del nucleo familiare, anche diverso dal soggetto richiedente di cui al punto 2, che risulta intestatario della fattura o del documento commerciale o dello scontrino/ricevuta fiscale emesso dal fornitore».

Tenuto conto che l’agevolazione fiscale si applica ai nuclei familiari, così come risultanti dalla normativa ISEE precedentemente citata, che differisce dalla definizione dei familiari fiscalmente a carico definita dall’articolo 12 del TUIR, si precisa che, qualora la fattura sia intestata a un familiare fiscalmente a carico di un altro soggetto, la detrazione spetta a quest’ultimo solo se risulta appartenere al medesimo nucleo familiare ISEE.

GENITORI SEPARATI
Inoltre, in caso di genitori separati con un figlio a carico fiscalmente di entrambi i genitori, la detrazione per il Credito d’imposta Vacanze potrà essere fruita in dichiarazione dei redditi solo dal genitore che ha, nel nucleo familiare ai fini ISEE, il soggetto minore a carico fiscalmente, che ha fruito del servizio ed a cui la fattura è intestata.
Il Credito d’imposta Vacanze è fruibile unicamente «per il pagamento di servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico ricettive, nonché dagli agriturismo e dai bed & breakfast», esclusivamente tramite l’utilizzo del codice univoco (o del relativo QR code) rilasciato in fase di accoglimento della richiesta di accesso all’agevolazione, come di seguito precisato.
Per espressa previsione di legge, in particolare, il credito non può essere utilizzato per effettuare pagamenti attraverso l’ausilio, l’intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici,
anche non residenti, diversi da agenzie di viaggio e tour operator.

Come accettare il Bonus Vacanze in Agenzia di Viaggio

Scarica la Circolare dell’Agenzia delle Entrate relative a come accettare il Bonus Vacanza in Agenzia di Viaggio

https://www.bonus-vacanze.info/wp-content/uploads/2020/07/circolare_agenzia_entrate.jpg
https://www.bonus-vacanze.info/wp-content/uploads/2020/06/pdf-download-icon.png

Guarda il Video sul
Bonus Vacanze

Chiedi Subito un
Preventivo Gratuito




Resta Informato

Registrati alla nostra newsletter e resterai aggiornato sulle novità del settore. Non riceverei ne spam ne altre scocciature, promesso

Copyright by TRAVEL EXPERIENCE SRL – Via Niccolò Machiavelli, 13 – 50026 San Casciano Val di Pesa (Fi) – PIVA – CF: 06985170486 All rights reserved.